Un pensiero

« Per impregnarci a fondo dell’importanza del giorno presente, dobbiamo comportarci come se fosse l’ultimo. Alcuni diranno che è spaventoso vivere avendo nella mente il pensiero della morte. No, il fatto di vivere ogni giorno come se dovesse essere l’ultimo non ci trascina verso la morte, ma, al contrario, verso la vita. È piuttosto chi si comporta con noncuranza, pur continuando a sperare in un futuro migliore, che avanza verso la morte, poiché sta sperperando la propria vita. Quando i saggi ci consigliano di vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo, è per spingerci a fare oggi qualcosa di più utile, di più bello, di più prezioso… Non si crede davvero che sarà l’ultimo giorno, ma si utilizza semplicemente un metodo pedagogico per vivere l’oggi in pienezza.
Avete un minuto, un’ora, una giornata… Quel minuto, quell’ora e quella giornata vi appartengono per creare il vostro avvenire. Per presentarsi in tutto il suo splendore, l’avvenire, il vostro vero avvenire di figlio o figlia di Dio, attende che abbiate tratto tutte le lezioni dal passato. Ma esso è vivo, è in cammino, esiste già, poiché voi lo state creando. »

Omraam Mikhaël Aïvanhov