Un pensiero

« Il fatto che sempre più persone, soprattutto fra i giovani, facciano ricorso alle droghe è un avvertimento. È l’anima umana che cerca di far comprendere le proprie necessità: essa soffoca e si serve della droga per liberarsi. Era davvero necessario – come pare – sbarazzarsi di quell’oppio che è la religione? Ebbene, ecco ora la marijuana, l’eroina, la cocaina e così via… È forse preferibile?
L’anima ha bisogno dello spazio infinito, e quando si sente limitata, soffocata, cerca con tutti i mezzi di evadere. Gli alcolici e le droghe sono tra questi mezzi, poiché hanno la proprietà di spingere l’anima fuori dal corpo fisico e, almeno per un momento, le danno l’illusione della libertà e dello spazio. Ma è un’illusione, poiché la droga è pur sempre un elemento materiale che viene dato al corpo, mentre il bisogno di evasione viene dall’anima, non dal corpo. Il bisogno di droga è indice che l’anima chiede di viaggiare negli spazi infiniti, ma non è certo la droga che può soddisfarla. E non solo non può soddisfarla, ma distrugge il corpo. »

Omraam Mikhaël Aïvanhov