Il PERVERSO

Fu un incontro fortuito il nostro.
La sua risata sciolse il ghiaccio che, al primo appuntamento, sempre sorge.
Lui amava la sua città, lei amava il fascino che la sua persona emanava.
E furono baci e furono carezze, che sotto gli occhi di tutti si scambiarono e due adolescenti tornarono, quel pomeriggio, mentre passeggiavano senza vedere nulla al di fuori di io e te di te ed io. Lui era affascinato da te e lei era affascinata da lui.
In quel pomeriggio ti eri preso il suo cuore e lei credeva di aver preso il tuo. I loro incontri furtivi, come quelli di due amanti, distanti ma tanto vicini. Fu un fuoco che ti arse e il suo cervello impazzito, compi’ follie per lui. Ma tu…più lei cercava di starti vicina più tu ti allontanavi…come nella storia di icaro e il sole. Più lei voleva seguire la sua ombra e più la sua ombra si allungava e come un ologramma diventava. Lei voleva sincerità e amore vero. Tu volevi un amore perverso, una donna dedicata a te che non parlasse, non si lamentasse, ma si nutrisse solo di false promesse e fosse felice. Probabilmente era diventata la donna che volevi.
A te dedicata.
La notte amante, il giorno volevi la sposa fedele che vive di ricordi e aspetta trepida il tuo ritorno.
Intanto si strugge e si distrugge…
Hai cercato in lei quello che ti mancava nel tuo focolare.
E ora quella donna e’ guarita, da un uomo che come malattia era diventato.
Un virus che ha un nome e un cognome.
La diffidenza, la ritrosia, la prudenza sono le sole cose che quella donna ha imparato da te. La vita è un teatro e noi ne siamo gli attori.
Ognuno di noi interpreta una parte.
Chi lo fa’ per gioco e chi lo diventa per sempre. L’ipocrisia regna sovrana nella sua mente.
Regalava bugie: l’universo acquistava, le stelle donava…parole…parole…parole…
Mentre quella donna non avrebbe voluto ne’ denari ne’ ricchezze.
Ma solo il suo cuore.
Quello che rimane tra le sue mani e’ polvere…solo polvere…
L’acqua non basta a purificare quel corpo che si è sporcato sapendo solo di essere stato usato…
Quanto tempo e’ stato sprecato…
C’era una persona che donava e l’altra voleva prendere tutto…anche l’anima…
L’ingenuità molte volte ci porta oltre i confini.. ci fa’ soffrire…ma insegna anche che le parole bon bastano…
E tutto ciò…ci rende persone migliori
E tutto ciò ci fa’capire ciò che aborriamo e non vogliamo diventare.
Questa donna ferita e umiliata, trova la forza di rialzarsi, di combattere…di amare ancora.
Decisa a non abbandonare i propri sogni.
Cerca un compagno che la conduca, la protegga e la sostenga nel cammino della sua vita. Il fascino di lui sarà nascosto nell’animo suo, che illuminerà il suo sguardo, rendendolo unico.
Nell’animo umano convivono due forze contrapposte: il bene e il male.
In alcuni e’ il bene a prevalere, in altri e’ il male…