Perché maggio è stato così freddo e piovoso. Prepariamoci a un’estate glaciale.

Maggio non è maggio, ormai lo abbiamo capito. Sui social non a caso è stato hanno soprannominato ‘maggembre’. Mancano ormai 4 giorni alla fine del mese che precede l’estate ma abbiamo vissuto quasi esclusivamente giorni di freddo, accompagnati da pioggia e addirittura neve. Ma perché abbiamo avuto un maggio così freddo? E, soprattutto, cosa ci aspetta per l’estate?

Anche se qualcuno si ostina a negarlo e a ironizzare, la colpa è da imputare ai cambiamenti climatici.

A dirlo è anche Greenpeace secondo cui il freddo che stiamo vivendo in questi giorni, così come la siccità, le tempeste di vento, le alluvioni degli scorsi mesi, e il grande caldo che probabilmente vivremo tra qualche settimana sono una conseguenza del global warming.

La spiegazione arriva dalla scienza e anche se apparentemente sembra un controsenso illustra il legame tra riscaldamento globale e freddo. Partiamo dal presupposto che meteo e clima sono due cose completamente diverse e che gli eventi meteorologici estremi – alluvioni, siccità, grandine e neve fuori stagione – sono e saranno sempre più frequenti e più intensi.

Perché allora l’aumento delle temperature ha generato un maggio così freddo? La spiegazione è riassunta in 4 passi: (clicca)